Martedì

04

Gennaio 2022

Recensione e regolamento Quadropolis

Recensione e regolamento Quadropolis

Un ottimo gioco presente nella nostra associazione è Quadropolis e in questa recensione analizzeremo anche varie parti del regolamento.

Quadropolis è un gioco di piazzamento tessere e gestione della propria plancia molto strategico e con un pizzico di interazione tra i giocatori non troppo sentita.

Una partita media dura circa 45 minuti, ci sono due modalità di gioco (classica ed expert) ed è adatto anche ai neofiti che vogliono approcciarsi al mondo German in quanto non troppo complesso.

Ambientazione e scopo del gioco

In Quadropolis sei il sindaco della tua città e dovrai costruire gli edifici migliori per gli abitanti, superando i tuoi avversari.

Avrai a disposizione 4 architetti che potranno costruire un edificio ciascuno nei 4 turni di gioco della partita, per un totale di 16 edifici.

Gli edifici costruiti determinano il punteggio finale in base alla vicinanza con altri edifici oppure in base al numero di omini posizionati.

Componenti

I materiali utilizzati per i componenti sono molto curati e di qualità. All’interno della scatola trovi:

  • 1 tabellone centrale
  • 4 plance giocatore
  • 4 schede riassuntive
  • 4 architetti per ciascun giocatore + 4 architetti per la modalità Expert
  • 147 tessere edificio
  • 2 pedine (urbanista e primo giocatore)
  • 65 meeple (abitanti)
  • 50 cubetti energia
  • 1 segnapunti
  • Regolamento
  • Sacchetto
componenti gioco da tavolo Quadropolis

Setup e preparazione di Quadropolis

Per preparare una partita di Quadropolis dovrai:

  • Posizionare il tabellone al centro del tavolo
  • Dare ad ogni giocatore la propria plancia, 4 architetti e una tessera riassuntiva dei punti
  • Pescare tutte le tessere edificio del turno 1 (scritto sul retro di ogni tessera)
  • Posizionare le tessere edificio (coperte) fino a riempire tutti gli spazi sul tabellone
  • Girare le tessere in base al numero di giocatori presenti
Setup regolamento e recensione gioco da tavolo Quadropolis

Svolgimento del turno:

Per tutti i 4 round la partita si svolge allo stesso modo, cioè dovrai collocare i 4 architetti accanto al tabellone centrale per scegliere una tessera scoperta su di esso.

Quando (una volta ciascuno) tutti i giocatori avranno posizionato i propri architetti allora puoi ripristinare le tessere sul tabellone come da setup e iniziare un nuovo round.

Gli architetti sono numerati da 1 a 4, puoi usarli nell’ordine che preferisci ma con un determinato criterio.

Quel numero infatti rappresenta la tessera che potrai prendere. Se posizioni ad esempio l’architetto con il numero 3 nella riga 1 del tabellone potrai prendere la tessera nella colonna 3 della riga scelta.

Allo stesso modo la tessera che prendi con l’architetto n. 3 dovrà essere collocata o sulla riga o sulla colonna n. 3 della tua plancia.

Il regolamento spiega molto bene questo passaggio con degli esempi.

turno di gioco quadropolis

Punti degli edifici – Recensione e regolamento Quadropolis

Gli edifici fanno punti a fine partita solo se attivati cioè se hai collocato sopra di essi la risorsa necessaria, indicata in basso a destra su sfondo esagonale.

Ci sono 6 tipi di edificio (nella versione Classic) e fanno punti nei seguenti modi:

  • Condominio: in base a quanti piani sono presenti uno sull’altro, cioè quante tessere impilate ci sono.
  • Prato: in base a quanti condomini sono posizionati ai 4 lati della tessera
  • Negozio: in base a quanti omini vengono collocati su di esso
  • Fabbrica: in base a quanti negozi o porti vengono collocati ai 4 lati della tessera
  • Porto: in base a quante tessere porto vengono collocate in fila o in colonna
  • Municipio: in base a quanti quartieri della tua città ne contengono uno

Inoltre alcune tessere presentano punti secchi da aggiungere al conteggio finale.

Energia e abitanti non utilizzati saranno invece punti negativi.

punti regolamento e recensione quadropolis

Recensione Quadropolis

Quadropolis è un ottimo gioco strategico, adatto a giocatori esperti che vogliono passare un’ora non troppo impegnativa.

La sua media complessità lo rende perfetto anche per neofiti che vogliono approcciarsi al mondo dei german!

I materiali sono molto curati tranne per le plance giocatore molto sottili che sfigurano rispetto al tabellone centrale in cartoncino spesso.

Punto di forza è invece l’effetto lucido trasparente delle risorse, a mio parere, i componenti migliori del gioco.

La grafica è bella ma non particolarmente curata anche se molto intuitiva, paradossalmente risulta migliore nelle tessere rispetto alla scatola.

Rimane comunque un gioco molto apprezzato e un fondamentale punto di transizione verso il cinghialone!

FacebookInstagram
keyboard_arrow_up